L’Università di Urbino ha inaugurato un nuovo servizio a costo zero per i propri studenti! È il Counseling Psicologico Universitario (CPU). Prenotare un colloquio con la Dottoressa Daniela Molinellipsicologapsicoterapeuta, è semplicissimo: basta inviare una mail all’indirizzo counseling.psicologico@uniurb.it.

Segnalato il dettaglio fondamentale, approfondiamo l’argomento nell’intervista alla Professoressa Carmen Belacchi, Delegata del Rettore al Counseling dell’Università di Urbino.

 

Professoressa Belacchi, quali sono le finalità del nuovo Servizio di Counseling Psicologico Universitario?

Gli obiettivi del CPU si legano alle difficoltà soggettive e/o oggettive che gli studenti universitari incontrano in un momento centrale di individuazione nel percorso di crescita psicologica e sociale. I giovani si avvicinano all’Università e si confrontano con richieste di autonomia, di indipendenza e autogestione nuove rispetto alle esperienze precedenti e possono, pertanto, sperimentare disagi di vario genere. Disagi legati al tipo di studi intrapresi, e/o alle nuove opportunità di tipo relazionale in cui si trovano coinvolti, oppure disagi in cui si evidenziano difficoltà personali anche precedenti e che si slatentizzano in un momento di svolta importante per la vita.

 

Ecco, alcune delle principali forme di difficoltà che potrebbero emergere e interferire nella carriera degli studi e nel benessere psico-sociale possono e devono essere riconosciute e affrontate anche dall’Università stessa, attraverso servizi e attività di supporto ai propri studenti in tale condizione.

Comprensione e superamento del disagio psicologico sono le finalità del progetto. Ma un counseling universitario può occuparsi anche di prevenzione?

Certo, è possibile prevenire perché la prevenzione di tipo primario inizia con l’informazione generalizzata. Quando se ne conoscono i potenziali rischi, certi comportamenti disfunzionali possono essere evitati. Più in generale, il counseling universitario realizza una prevenzione secondaria effettuata in una fase iniziale della comparsa del disagio che mira a riconoscerlo e ridurlo per evitarne l’aggravamento con le conseguenti ricadute negative, rilevanti sia sul piano individuale, sia su quello del raggiungimento dei fini istituzionali dell’Università.

 

Se un ragazzo, che si iscrive e frequenta l’Università, comincia a manifestare uno specifico disagio potrebbe significare che la prevenzione primaria – quella che si realizza nella famiglia attraverso stili e strategie educative volte a promuovere l’autonomia e la resilienza di fronte a situazioni nuove e che prosegue nella scuola dell’obbligo e nelle superiori – in qualcosa non ha funzionato. Inoltre, potrebbe significare che il sistema universitario in generale, come livello di istruzione scientificamente orientato, nell’organizzazione delle proprie specifiche funzioni formative non sempre tiene in debito conto dei bisogni individuali degli utenti. Pertanto è stato istituito il Servizio di Counseling Psicologico, al fine di offrire agli studenti, che sperimentino questo tipo di difficoltà, la possibilità di individuare e affrontare precocemente tali problematiche, con potenziali effetti negativi di vario genere, non solo sul percorso degli studi (fino all’abbandono), ma anche sull’immagine di sé e sulla vita relazionale e/o professionale successiva alla stessa formazione universitaria.

Come si struttura il servizio?

Il servizio, offerto gratuitamente alla comunità studentesca, è curato e gestito dalla Dottoressa Daniela Molinelli, psicologa-psicoterapeuta, e si struttura in una serie di colloqui individuali di orientamento con gli studenti che lo richiedano, finalizzati all’individuazione del problema e all’indicazione di strategie di supporto.

 

Mi auguro che i docenti del nostro Ateneo indirizzino i propri studenti, che ne abbiano necessità, verso questo nuovo servizio che rappresenta un’opportunità in più, una risorsa funzionale ad un percorso formativo di maggiore qualità, con attenzione ai complessi bisogni della persona.

 

Per informazioni sul servizio rimandiamo alla pagina dedicata di Uniurb.it.

Immagine in evidenza: Rémi Walle.