Un mercoledì da studenti universitari! E anche un giovedì e un venerdì. Ci avete mai pensato? Adesso che l’addio ai banchi delle scuole superiori si avvicina, vi capita di immaginare la vostra prossima vita nei luoghi di un Ateneo italiano? Del resto, state per salire a bordo della scelta formativa che vi porterà verso quel che sarà di voi, ma sapete come si strutturano i corsi di laurea, o come si compila un piano di studi? Siete informati su ERSU e diritto allo studio? Avete mai pranzato in una mensa universitaria e fatto quattro chiacchiere con gli studenti che già frequentano un Ateneo?

Ecco, ci piace pensare che la vostra idea di futuro possa partire dalla nostra Università Aperta.
Venite a trovarci dall’8 al 10 febbraio negli spazi dell’Area Scientifico Didattica Paolo Volponi di via Saffi 15, e con i docenti della Carlo Bo provate a metterete a fuoco i vostri interessi, il vostro talento, le vostre ambizioni; parlate con loro e cercate di capire insieme quale percorso didattico farà brillare la parte migliore di voi stessi.

“In questa edizione di Università Aperta – spiega la Professoressa Ivana Matteucci, Delegato Rettorale per l’Orientamento Universitario e Presidente della Commissione di Orientamento di Ateneo – abbiamo deciso di introdurre delle novità in linea con l’obiettivo di fornire un’immagine dell’Università di Urbino come realtà capace di offrire allo studente una possibilità formativa completa.

Anzitutto abbiamo valorizzato l’area dei servizi allo studente, sia quelli di supporto allo studio che quelli per il tempo libero. Nel piano A dell’Area Scientifico Didattica Paolo Volponi verrà, infatti, allestito uno spazio che ospiterà le rappresentanze dei centri: CLA, Stage e Job Placement, Biblioteche, CISDEL, ERSU, Erasmus. Qui gli operatori potranno presentarsi ed esporre le proprie attività a sostegno del lavoro dello studente universitario.

Al teatro La Vela, dalle 14.30 alle 16.00, per gli studenti in visita che si fermeranno a mensa, abbiamo messo insieme una presentazione di performance dei centri: CUS Urbino, Centro Teatrale Universitario Cesare Questa, Coro 1506 dell’Università, Radio Urca. Nell’ambito di ciascuno spazio, alcuni studenti iscritti forniranno brevi dimostrazioni delle attività che praticano coinvolgendo il pubblico presente”.

Tutto chiaro? Vivrete un’esperienza del tutto immersiva fin dal vostro arrivo a Urbino grazie anche allo smartphone che avete in tasca e a un’altra sorpresa dell’edizione 2017: la caccia al tesoro virtuale!
Si chiama @ZeldaUniurbBOT ed è un progetto del gruppo di ricerca del Corso di Laurea in Informatica Applicata coordinato dal Professor Emanuele Lattanzi che commenta: “questa iniziativa ha un obiettivo logistico in quanto le giornate dell’orientamento si svolgono nella città di Urbino secondo diverse tappe. Gli studenti arrivano a Borgo Mercatale o a Porta Santa Lucia e da lì devono raggiungere altre zone della città e dell’Ateneo.
L’intelligenza artificiale di @ZeldaUniurbBOT, sviluppata dal collega Lorenz Cuno Klopfenstein, non fa altro che guidarli, attraverso smartphone, fornendo loro una mappa dettagliata del percorso da fare per raggiungere tutte le tappe dell’evento e ottenere in premio il distintivo virtuale di “Esploratore Uniurb”.

Cliccate qui per scoprire come giocare con @ZeldaUniurbBOT e occhio: non si tratta di una competizione. Non vince chi arriva primo. Vince chi partecipa a tutte le attività della giornata. Buona caccia al futuro!