Nanomateriali e rischio ecotossicologico in ambiente marino: su Scientific Reports uno studio di Uniurb

Uniamo intervista Fabrizio Frontalini e Caterina Ciacci, autori dello studio pubblicato dalla rivista del gruppo Nature.

I ghiacci della Groenlandia fondono più rapidamente del previsto: anche Uniurb su Nature

Con Giorgio Spada, docente di Fisica della Terra, l’Università di Urbino partecipa a una ricerca internazionale pubblicata oggi sulla rivista Nature.

Achille Cappiello tra i 100 scienziati più influenti al mondo

Il chimico dell’Università di Urbino è stato inserito nella “The Analytical Scientist Power List 2019”. Sono soltanto due gli italiani. I suoi studi sono alla base delle ultime ricerche in campo analitico e aiutano a comprendere meglio i cambiamenti climatici.

Il bando ACRI per la ricerca atto secondo: Uniurb raddoppia

Nuova edizione dello “Young Investigator Training Program”, promosso dall’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio. La Carlo Bo sarà capofila di 16 centri di ricerca.

Anche Uniurb firma la ricerca sui tre tsunami medievali generati dallo Stromboli

Una recente scoperta evidenzia il rischio di maremoti distruttivi nell’area del Tirreno Meridionale. Ne parliamo con il Professor Alberto Renzulli, tra i dieci ricercatori autori dello studio.

Young Investigator Training Program

L’Università di Urbino, capofila di un gruppo di 22 centri di ricerca, ha vinto il bando ACRI dedicato alle collaborazioni scientifiche internazionali. Un successo che premia i giovani ricercatori. Raffaella Servadei, responsabile del progetto, ci ha spiegato perché.

Gluos, quando l’impresa ha la chimica giusta

Michele Mari, assegnista di ricerca del Dipartimento di Scienze Biomolecolari (DISB) dell’Università di Urbino, è alla guida dello spin-off che ha brevettato la sintesi del glutatione C4, in grado di combattere le dermatiti. Insieme a lui abbiamo ripreso la strada lì da dove è iniziata.

Cambridge Scholars Publishing pubblica una ricerca di Uniurb

L’intervista di Uniamo ad Angela Giallongo, Ordinaria della Carlo Bo, autrice di un’indagine storico-educativa sul senso del mito meduseo: “The Historical Enigma of the Snake Woman from Antiquity to the 21st Century”.

EryDel: dalla ricerca di base all’impresa biotech

L’intervista di Uniamo al Professor Mauro Magnani, Cofondatore e Direttore scientifico di EryDel: spin-off della Carlo Bo in principio, oggi società specializzata nello sviluppo di tecnologie medicali innovative.

Ricerca comunica le grandi capacità e le iniziative di ricerca dei nostri gruppi di studio che in diverse aree disciplinari producono conoscenza, innovano e partecipano al processo di sviluppo economico, sociale e culturale del Paese.

Achille Cappiello tra i 100 scienziati più influenti al mondo

Il chimico dell’Università di Urbino è stato inserito nella “The Analytical Scientist Power List 2019”. Sono soltanto due gli italiani. I suoi studi sono alla base delle ultime ricerche in campo analitico e aiutano a comprendere meglio i cambiamenti climatici.

Young Investigator Training Program

L’Università di Urbino, capofila di un gruppo di 22 centri di ricerca, ha vinto il bando ACRI dedicato alle collaborazioni scientifiche internazionali. Un successo che premia i giovani ricercatori. Raffaella Servadei, responsabile del progetto, ci ha spiegato perché.

Gluos, quando l’impresa ha la chimica giusta

Michele Mari, assegnista di ricerca del Dipartimento di Scienze Biomolecolari (DISB) dell’Università di Urbino, è alla guida dello spin-off che ha brevettato la sintesi del glutatione C4, in grado di combattere le dermatiti. Insieme a lui abbiamo ripreso la strada lì da dove è iniziata.

EryDel: dalla ricerca di base all’impresa biotech

L’intervista di Uniamo al Professor Mauro Magnani, Cofondatore e Direttore scientifico di EryDel: spin-off della Carlo Bo in principio, oggi società specializzata nello sviluppo di tecnologie medicali innovative.

Pin It on Pinterest

Share This