MOOC Uniurb, la piattaforma per la didattica universitaria aperta della Carlo Bo, lancia Umano digitale, il nuovo corso online erogato in modalità gratuita. Non ci stancheremo mai di ripeterlo, MOOC sta per Massive Open Online Courses: corsi che non prevedono spese di iscrizione, liberamente accessibili online e aperti a un numero elevato di utenti che abbiano come unico requisito un irriducibile interesse per l’argomento trattato.

Detto questo, possiamo prendere nota: la prima lezione si svolgerà in diretta streaming lunedì 18 marzo alle 17! L’intento formativo del corso è indagare “uno degli aggettivi più usati e fraintesi dei nostri tempi: digitale”. Vi state chiedendo perché? Perché navigare nella corrente della “digital revolution” e rimanere in linea con le sue rapidissime e mutevoli sollecitazioni è impresa avvincente che richiede impegno, anche (o soprattutto) quello di capire cosa significhi realmente “digitale”.

“È uno degli aggettivi più usati di questo inizio di secolo. Non è un neologismo – spiega Alessandro Bogliolo, Professore di Sistemi per l’elaborazione dell’informazione e autore del corso – ma ha assunto un significato che evoca le tecnologie informatiche, il progresso e l’innovazione. In questa accezione l’aggettivo compare nelle agende strategiche di tutti i Paesi del mondo, ma indica anche il divario, il distacco sempre più ampio, tra chi padroneggia le nuove tecnologie e chi, invece, arranca e non riesce a tenere il passo con un’evoluzione tecnologica che avanza a un ritmo senza precedenti”.

Originale il format ibrido di questo MOOC che include anche sette puntate di una produzione originale di RAI Cultura da trasmettere durante la lezione. Com’è ovvio, al termine dello streaming tutti i contenuti diventeranno fruibili in modalità on demand sui portali MOOC Uniurb e RAIPlay.
“L’obiettivo del corso è molto ambizioso – aggiunge il Professor Bogliolo – ed è quello di dare un contributo, seppure piccolo, affinché nessuno si senta escluso da una rivoluzione chiamata digitale che ha radici profondissime nella storia dell’umanità”.

Proviamo, quindi, a tenere il passo e iscriviamoci: il valore della spesa è zero e il corso è aperto a tutti! Per accedere alle attività in programma: video-lezioni, contenuti di RAI Scuola, test di verifica della comprensione, dobbiamo solo connettere il nostro dispositivo alla rete e cliccare MOOC Uniurb.
Teniamo conto, inoltre, che il corso è accreditato ai fini della formazione rivolta agli insegnanti e che al termine dell’intero ciclo di attività didattiche previste sarà certificato da un attestato, rilasciato sia in formato pdf stampabile, sia in formato open badge.

Altro plus da considerare è il patrocinio che l’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa (Indire) e Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities School (DiCultHer) hanno riconosciuto al MOOC. Del resto – lo abbiamo detto – il progetto è di Alessandro Bogliolo, coordinatore di Europe Code Week e membro del Governing Board della Digital Skills and Jobs Coalition, da molti anni impegnato in azioni concrete di diffusione della cultura digitale guidate da un’idea complessiva di innovazione – anche etica – della scuola e della società italiana.
Digitale. Umano!