Qualche post fa, abbiamo presentato la seconda edizione del dottorato internazionale Global Society, Cross-border Mobility and Law in un’intervista al Coordinatore del corso: Antonello Zanfei, Professore di Economia Applicata, docente di Economia della Globalizzazione. L’invito era a downloadare il bando di concorso 2018/19, la scheda di presentazione del PhD, le FAQ e a inviare la domanda online di ammissione al colloquio di selezione entro il prossimo 15 giugno.
Nel frattempo, la ricerca di riferimenti e informazioni utili sull’argomento ha coinvolto alcuni dottorandi della prima edizione del Global Studies: International Economic Policy, Business and Governance. A loro abbiamo chiesto di raccontare l’esperienza di studio alla Carlo Bo e la lista di desideri e progetti che, acquisite le competenze ad hoc, proveranno a realizzare.

Ivan Shurgalin
Ciò che trovo unica è la determinazione con cui i docenti, avvalendosi di una struttura amministrativa molto snella, hanno offerto un percorso formativo di qualità integrandolo con seminari di approfondimento che consentono ogni settimana di incontrare studiosi di ottimo livello provenienti da tutto il mondo. Mi aspetto che gli anni del dottorato in Global Studies mi aiutino a costruire una forte rete di relazioni accademiche e di ricerca, e a sviluppare capacità di scrittura e di insegnamento che mi consentano di accedere al job market universitario internazionale.

 

Alessandro Bellocchi
In aula si è creata una buona atmosfera; il rapporto con i docenti è ottimo. Cercano di conoscerci personalmente e di adattare lo stile di insegnamento per venire incontro alle necessità di conoscenza di ognuno di noi. Da ultimo, la città di Urbino è davvero magica, è bello viverci e si possono incontrare studenti da tutto il mondo.
L’obiettivo più ambizioso da perseguire è quello di sviluppare le competenze e le capacità critiche che, assieme agli strumenti acquisiti, ci permettano di entrare nel mondo accademico o di accedere al mercato del lavoro con le competenze e la preparazione necessarie. Da questo punto di vista, il PhD in Global Studies ci può aiutare a sviluppare e sfruttare le nostre potenzialità.

 

Enrico Alessandri
La varietà di discipline e di approcci che il dottorato prevede consente di ottenere una visione ricca e completa dei problemi. L’opportunità di scrivere diversi papers, come modalità d’esame di molte delle materie insegnate, consente di acquisire capacità di scrittura e di analisi e offre la chiave di accesso alla ricerca scientifica e universitaria, che è quello che più mi attira.

 

Guendalina Anzolin

Nam Nguyen

 

 

Global Studies: i dottorandi della prima edizione